FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!

Vino biologico italiano negli USA: trend, certificazioni, trucchi del marketing

Un vino italiano certificato USDA organic? 

Cercando spunti sugli scaffali di un wine shop a San Francisco mi imbatto in un Chianti con una comunicazione in etichetta tutta basata sul trend green e biologico ma che non aveva alcun “bollino” italiano… scrutando bene le informazioni scopro che il bollino c’era, ma era made in USA. Come è possibile? Se c’è scritto Chianti le uve e la vinificazione sono made in italy per forza di cose… Quindi? Mi metto alla ricerca di risposte e scopro che anche un’azienda italiana può ottenere la certificazione bio americana, indipendentemente dal fatto che ne possieda una in patria. Attualmente nel registro americano delle aziende vinicole italiane certificate USDA organic trovo 41 soggetti.

Per essere certificati dall’ente governativo americano basta fare richiesta e verranno inviati in azienda i certificatori accreditati in Italia che al momento sono ICEA Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale, BioAgriCert e Ccpb srl. Tutte notizie che ho reperito sul sito ufficiale della USDA organic dove figurano anche altre 138 aziende agricole bio italiane (che non producono vino, ma altri generi esportabili). 

Vino prodotto in Italia, ma certificato USDA ORGANIC (vedi bollino in alto a destra)

ORGANIC e GREEN: trend nazionale o nicchia? 

Negli ultimi due anni il marketing del vino è stato investito dall’onda green come in passato era successo per cibo e cosmetici. Analizzeremo tra poco insieme alcune etichette e alcuni cartelli che ho fotografato durante la mia ricerca di mercato in California per capire quali sono i “tricks” degli uffici comunicazione per cavalcare questo trend. 

Secondo l’agenzia del Commercio americana le quote di mercato di vini biologici italiani importati negli USA sono cresciute da 21% a 25% in tre anni (dati 2018-2020 pre pandemia). Un dato che conferma il trend in crescita in questa categoria e la maggiore richiesta da parte di importatori e distributori di vini certificati organic o biodinamici. 

Questo però non vale per tutti gli Stati. Se infatti rispecchia la realtà di luoghi come New York e la California (dove ho raccolto gli esempi qui sotto), non è affatto una fotografia fedele di buona parte degli USA dove i consumatori non sono ancora disposti a spendere di più per vini biologici o biodinamici perché manca ancora una cultura in tal senso. 

Così come per il cibo bio ci vorrà tempo per rendere i consumatori consapevoli nelle scelte di acquisto e forse solo allora il gap di prezzo tra le due categorie di vini diminuirà al punto che saranno largamente preferiti quelli “green”. 

Come viene comunicato il vino Organic? Esempi e trucchetti 

Parole e colori che evocano la natura 

L’uso del verde, di colori pastello, di nomi evocativi come puro, leggero, buono, terra, salute. Notate anche i loghi che spesso ricordano foglie, rami, alberi, elementi naturali. Sono privilegiati anche i font più “rustici” che danno l’idea di una scrittura amanuense, artigianale 

Definizioni tecniche non bio, ma che evocano una sorta di sostenibilità. 

Vegan – friendly o vegano non ha a che fare con il biologico ma con il fatto di non utilizzare prodotti animali nel chiarificare il vino per esempio. Ma questo termine spesso compare sui vini organic come un plus. Per attirare un certo tipo di clientela. 

Esempio di descrizione in enoteca che fa leva su tutti i trend del momento del consumatore green

Women or family owned. Anche in questo caso si vuole andare a solleticare la coscienza del consumatore che solitamente acquista bio con il concetto più ampio dì sostenibilità etica. Si usano le minoranze (le donne, a volte anche etnie, ho letto perfino afro American owned) o l’idea di azienda piccola lontana dalle logiche multinazionali (implicitamente ritenute in antitesi con il vino bio, pregiudizio da manuale!). 

Minimal intervention, unfiltered. Qui si va nel buco nero dei vini auto definitisi “naturali” che fanno leva sull’idea che meno si interviene dalla vigna alla cantina meglio è, anzi è più salutare. Sul termine salutare si innesta un altro filone che è quello dei vini “healthy” e low calories di cui parleremo in un prossimo articolo. 

Ascolta di più sulla mia ricerca di mercato in USA e sul trend green in questo episodio del podcast: 

Vino biologico italiano in Usa: trend o nicchia? Trucchi del marketing e certificazioni USDA

Listen to this episode from The Italian Wine Girl on Spotify. Organic wine: trend o nicchia di mercato? Dagli Stati Uniti dati, tendenze, trucchi del marketing e certificazioni made in USA per vini prodotti in Italia. Sapevate che un vino made in Italy può ottenere il sigillo USDA Organic?

FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!
FacebookTwitterEmail

Articoli recenti

  • | ,

    Quanto conta la tessera di un mosaico?

    I vini delle grandi cantine cooperative sono spesso considerati commerciali e di bassa qualità, ma in realtà sono queste aziende che hanno la forza economica di sostenere progetti sartoriali e di altissimo pregio. L'esempio di Mezzacorona...
  • Trentino: la prima regione vinicola con un bilancio di sostenibilità

    il consorzio vini Trentino è il primo ente regionale a dotarsi di un bilancio dì sostenibilità. un cambio dì approccio nella gestione del patrimonio vinicolo, spostando il focus dalla redditività economica al costo ambientale, si tratta dì invertire la logica dal produrre dì più al produrre meno e meglio. 5.667 aziende trentine produttrici d’uva hanno seguito questo impegnativo percorso. Tale iniziativa rappresenta ad oggi l’unica esperienza nazionale ad aver portato alla certificazione SQNPI un così elevato numero di produttori coordinati da un’unica entità consortile.
  • |

    Il ritmo naturale della bellezza: raccontare materie vive come il vino, o… il legno

    Sono quindi andata in persona a visitare quel triangolo di colline e vigneti al confine con la Slovenia per osservare, conoscere, annusare, toccare con mano nel vero senso della parola i materiali, le persone, l'ispirazione di questi artigiani italiani. Ne è venuto fuori questo racconto che ho deciso di pubblicare anche su questo blog, perché il legno e il vino hanno in comune il fatto di essere materie vive e di continuare a respirare, ad adattarsi e a mutare durante tutto il processo di trasformazione e di nobilitazione
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti nemmeno una goccia del vino italiano

*La compilazione di questo form non determina l'archiviazione di alcun dato inserito, l'archiviazione e utilizzo dei dati avverrà solo dopo esplicita conferma contenuta nell'email che verrà inviata successivamente all'invio premendo il tasto "subscribe"

Back to To

2022 @ Laura Donadoni - All rights reserved / design www.caratterinobili.com

X
icon-instagram-whiteicon-facebook-whiteicon-spotify-whiteicon-youtube-whiteicon-linkedin-whiteicon-clubhouse-white