FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!

Eventi del vino e F.O.M.O: come battere l’ansia da mancata occasione e selezionarli al meglio

Con la primavera ripartono gli appuntamenti del vino: fiere, degustazioni, festival, in men che non si dica l’agenda si riempie, la casella di email si colma di inviti ed è facile perdere la bussola.

Lo confesso, anche io ho avuto la F.O.M.O.

Uso un acronimo inglese F.O.M.O. ovvero Fear Of Missing Out per definire questa sensazione. 

Ci si sente male, in ansia, al pensiero di non poter partecipare, magari per mancanza di tempo, a esperienze che coinvolgono persone conosciute e realtà prestigiose, come importanti fiere o eventi. È successo anche a me. E mi capita ancora nel momento in cui devo definire la mia agenda di viaggi e impegni. 

Ne ho sofferto molto all’inizio della mia carriera nel mondo del vino, quel momento in cui i contatti giusti sono tutto e possono aprirti porte che da sola non riusciresti a forzare, avevo il terrore di perdermi l’evento giusto, quello dove avrei sicuramente incontrato la persona decisiva per i miei progetti.

Io avevo un’ulteriore aggravante: il fatto di essere una immigrata negli States, quindi nuova sia al mondo del vino sia alla società californiana. Quindi di F.O.M.O., di paura di non esserci, ne so qualcosa. 

Un sentimento che rivedo anche in molti clienti, cantine e consorzi, quando li accompagno sul mercato americano: vivono questa paura di perdersi degustazioni, presentazioni e in generale occasioni di vendita. Io li invito spesso alla calma.

L’unico modo per sopravvivere alla F.O.M.O. è ritagliarsi poche occasioni ma di qualità. Selezionare è la parola chiave, e per farlo bisogna impiegare tempo ad analizzare gli eventi. O affidarsi a chi lo sa fare in modo professionale (come il mio team) e vi farà da bussola. 

L’ansia da mancato evento non riguarda soltanto le aziende o le occasioni business, ma anche chi frequenta gli eventi del vino per diletto, per passione, esplorando magari l’idea di farne in futuro una professione. 

Ecco quindi alcuni consigli per selezionare le migliori occasioni di degustazione o di business per voi stessi o per le vostre aziende. Se preferisci ascoltare, sono riassunti anche in questo episodio del mio podcast:

F.o.m.o. ed eventi del vino: l’ansia di perdere l’occasione giusta, le strategie per selezionare

Listen to this episode from The Italian Wine Girl on Spotify. Fear of missing out: la paura di perdersi un evento, un incontro, un’occasione. Si traduce nell’ansia del presenzialismo, esserci sempre e ovunque, spesso sprecando risorse ed energie. Come ho superato la FOMO?

Eventi b2b

  • Qual è il target della fiera? Che tipo di buyer la frequenta? Nazionale o internazionale? Per scoprirlo chiedete agli organizzatori l’elenco iscritti dell’edizione precedente o verificate online cercando articoli o post sui social media degli anni precedenti. 
  • Quanto costa partecipare? Qual è il mio budget fiere dell’anno? Se è limitato conviene scegliere pochi eventi ma molto in linea con gli obiettivi aziendali in relazione ai mercati su cui si vuole puntare. 
  • L’evento ha richiamo mediatico? È prestigioso farne parte? Può essere che non sia esattamente in linea con il target aziendale ma porti con sè grandi vantaggi per l’immagine del brand. 

Eventi consumer 

  • qual è l’identikit dell’ospite? È un evento dedicato a un pubblico ampio e con poca capacità di spesa oppure al lusso? 
  • C’è un tema? Alcuni festival consumer sono dedicati a specifiche tipologie di vino o di viticoltura. Mi interessa quel tema? Il mio cliente tipo verrebbe attirato da quel tema? 
  • È facile o difficile raggiungere la location? Ci sono servizi per chi vuole partecipare? Si svolge in un posto meraviglioso o in un sobborgo per nulla attraente? 

In generale per fare selezione è essenziale che abbiamo molto chiaro i nostri obiettivi, sia personali, sia di business. 

Io per esempio mi chiedo quali sono gli eventi utili alla mia crescita professionale, quali sono invece una replica l’uno dell’altro dove quindi incontrerò le stesse persone? In un settore di nicchia come quello del vino questo capita spesso, quindi forse non vale la pena di investire tempo ed energie per partecipare a più eventi possibili, ma è saggio selezionare. 

Ora quindi tocca a voi, calendario alla mano, e chissà che ci incontreremo alla prossima degustazione.  

FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!
FacebookTwitterEmail

Articoli recenti

  • |

    Tappi e falsi miti: il sughero non respira

    Il tappo di sughero respira? Le bottiglie di vino vanno conservate in orizzontale? Sfatiamo alcuni falsi miti su tappi naturali e stoccaggio dei vini insieme agli esperti
  • | ,

    Vitigni resistenti: sono il futuro della viticoltura?

    Le varietà piwi, dette anche resistenti, sono il futuro della viticoltura? Danno vini di qualità? Intervista a Erika Pedrini di Cantine Pravis
  • |

    Vini senza alcol, per la prima volta al SommCon, in USA, un seminario dedicato. Come si fanno? Ce lo racconta la direttrice scientifica di Millevigne

    Un mercato in crescita, ma ancora confuso: come si fanno i vini senza alcol, a che punto siamo in Europa, sono da chiamare vini?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti nemmeno una goccia del vino italiano

*La compilazione di questo form non determina l'archiviazione di alcun dato inserito, l'archiviazione e utilizzo dei dati avverrà solo dopo esplicita conferma contenuta nell'email che verrà inviata successivamente all'invio premendo il tasto "subscribe"

icon-instagram-whiteicon-facebook-whiteicon-spotify-whiteicon-youtube-whiteicon-linkedin-whiteicon-clubhouse-whiteicon-ticktok-white