FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!

James Suckling: cosa cercano gli americani nei vini italiani? La sua storia in un’intervista esclusiva

Sono arrivata in anticipo di quasi un’ora, alzandomi molto prima dell’alba per riuscire a raggiungere il suo quartiere generale di degustazione in Toscana e sfruttare l’unica sua mezz’ora di tempo libera nella sua fittissima agenda. Non mi sarei persa per nulla al mondo l’occasione di intervistare in esclusiva uno dei giornalisti più influenti a livello mondiale nel settore del vino. 

State per ascoltare una chiacchierata con James Suckling che non ha bisogno di presentazioni. 

Ascolterete come è riuscito in dieci anni a fondare uno dei media di recensione dei vini più importanti al mondo, gestendo quasi 30 mila campioni in assaggio e una piattaforma di news tra le più seguite che ha dato vita anche a tour internazionali ed eventi prestigiosi, soprattutto negli USA ma anche in Asia. 

Non vi voglio svelare il contenuto inedito in queste righe, ma vi anticipo che ascolterete da lui il racconto di come  dopo 29 anni a wine spectator si è  chiesto se fosse arrivato il momento di fare qualcosa di suo. Di come ha deciso  di prendersi il rischio, sottovalutando inizialmente l’impegno logistico di una struttura organizzata per gestire decine di migliaia di bottiglie. 

Gli ho chiesto come vive la responsabilità di spostare il mercato con i punteggi alti o bassi assegnati alle cantine. Abbiamo parlato anche di integrità e di metodo. 

La seconda metà dell’intervista si concentra sul vino italiano: come mai Suckling si è specializzato sul vino italiano, che cosa ama e che cosa cercano gli americani in un vino italiano. Quali sono i motivi per cui l’Italia stenta a crescere in valore, perché i più costosi vini italiani sul mercato costano un quinto dei più famosi vini francesi? 

Mezz’ora di ispirazione e di dialogo costruttivo che vi offro in lingua originale. Per chi non comprende l’inglese inserisco qui di seguito alcuni spunti che Suckling ha riferito rispondendo alle mie domande e che possono far riflettere sulla percezione del vino italiano a livello internazionale 

“Being an entrepreneur is to find a solution when things don’t work out properly. This is what I do, I find solutions” 

“I believe in new journalism, I believe in being part of the story, in 1997-1998 in Italy there was a generational change to discover and to tell”

“Credo nel nuovo giornalismo, nell’essere parte del racconto, nel 1997-1998 in Italia c’era un cambio generazionale da scoprire e raccontare”

I visited Italy for the first time as a wine journalist in 1983, it has been fascinating, but at that time wines were not so good, I remember some smelled like Parmigiano, but people were so warming, welcoming, it was magical. I said one day I will come back and live here.

“Ho visitato l’Italia da giornalista del vino per la prima volta nel 1983, è stato affascinante, ma all’epoca i vini non erano buoni, ricordo che alcuni sentivano di Parmigiano. Ma la gente era calorosa e accogliente, è stato magico. Mi sono detto che un giorno sarei tornato e avrei vissuto qui”

In the 80s the oenologist’s job was to fix problems, in the mid 90s the oenologists started stylizing wines. That was a revolution for Italian wine.

“Negli anni ‘80 il lavoro dell’enologo in Italia era quello di correggere i difetti, a metà degli anni ‘90 gli enologi hanno iniziato a dare uno stile ai vini. Quella è stata una rivoluzione per i vini italiani”

People wants ratings because it’s much easier for them to understand the quality of a wine. Especially today with the social medias, ratings are more popular than ever.

“La gente vuole i punteggi perché è molto più facile valutare la qualità dei vini, specialmente oggi nell’era dei social, i rating sono più popolari che mai”

What is special about Italian wines and Americans really look for is that every bottle is like a GPS, it takes you in a new place, with different food, traditions and landscapes.

“Ciò che rende speciali i vini italiani e ciò che gli americani cercano in essi è che ogni bottiglia è come un navigatore che ti porta in un posto nuovo, con diversi cibi, tradizioni e paesaggi”

Podcast – The Spill Out Show

Spill Out Show #1 – A chat with James Suckling

Listen to this episode from The Italian Wine Girl – Spill Out Show on Spotify. How has James Suckling become one of the most influential wine journalist and reviewer? What is it that Americans like about Italian wines? Why the best Italian wines cost a fraction of the most prestigious French wines?

Youtube video – The Spill Out Show Live

Spill out show: a chat with James Suckling

How has James Suckling become one of the most influential wine journalist on Earth? What is it he and Americans like about Italian wines? Does he feel the responsibility of ratings which can drive the export markets? Non edited version of this exclusive interview filmed in Tuscany at the head quarter of James Suckling’s magazine.

FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!
FacebookTwitterEmail

Articoli recenti

  • |

    E-commerce e Nft nel mondo del vino

    Intervista alla e-commerce manager Arianna Ligi “Creare un e-commerce pensando che basti fare un sito web e spendere un po’ di soldi in pubblicità tra google e social media (che sta diventando sempre più costosa) è un progetto perdente sin dalla nascita”.  Ne parliamo con Arianna Ligi, e-commerce manager, una nuova professione nata proprio per […]
  • | ,

    James Suckling: cosa cercano gli americani nei vini italiani? La sua storia in un’intervista esclusiva

    Intervista esclusiva con James Suckling: how has he become one of the most influential wine critic in the world, what do Americans looks for in Italian wines?
  • | ,

    Dentro un tappo di sughero

    Viaggio in Portogallo alla scoperta della filiera del sughero: dall'albero alla bottiglia con Amorim, leader mondiale del settore
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti nemmeno una goccia del vino italiano

*La compilazione di questo form non determina l'archiviazione di alcun dato inserito, l'archiviazione e utilizzo dei dati avverrà solo dopo esplicita conferma contenuta nell'email che verrà inviata successivamente all'invio premendo il tasto "subscribe"

Back to To

2022 @ Laura Donadoni - All rights reserved / design www.caratterinobili.com

X
icon-instagram-whiteicon-facebook-whiteicon-spotify-whiteicon-youtube-whiteicon-linkedin-whiteicon-clubhouse-whiteicon-ticktok-white