FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!

Perché il vino è buono? Una degustazione speciale per Custodi del Vino al mercato Fivi

Il vino genuino è buono ed emoziona non per l’annata perfetta, non per le caratteristiche primarie delle uve magistralmente coltivate e portate a maturazione, ma perché lo fanno donne e uomini veri, che mettono nel loro lavoro quotidiano i valori del rispetto della terra, della trasparenza e dell’amore per quello che hanno ricevuto in eredità e cercano tenacemente di preservare e migliorare.

Per questo un sorso tira l’altro, perché di verità non se ne ha mai abbastanza.

La presentazione di Custodi del Vino al mercato Fivi sabato 27 novembre è stata una delle più emozionanti: nell’aria c era la commozione mia e di alcuni dei protagonisti di incontrarci di nuovo stavolta con le parole del libro in sottofondo, ma c è stata soprattutto la partecipazione emotiva della platea, gli occhi lucidi nell’ ascoltare le storie di questi territori forse trascurati dai media, ma così densi di significato.

Grazie a tutti, mi avete riempito l’anima di bellezza e condivisione. In nome del vino, che è tutto tranne che una bevanda…

Montaggio a cura di Laura Norese

Vini in degustazione, consigliati per serate di vere emozioni:

  • Tonello – “ioTeti” Lessini Durello Brut DOC 2017
  • La Sibilla – “Cruna deLago” Falanghina Campi Flegrei DOC 2019
  • Malgiacca- “Tingolli” Toscana Bianco IGT 2018
  • Francesco Cadinu – “Ghirada Fittiloghe” Cannonau di Sardegna DOC 2019
  • Arpepe – “Rocca De Piro” Grumello Valtellina Superiore DOCG 2017
  • Tenuta di Valgiano – Colline Lucchesi DOC 2009

Puoi acquistare Custodi del Vino qui

FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!
FacebookTwitterEmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli recenti

  • enoturismo

    Enoturismo: le idee vincenti per diversificare

    Un dato positivo è il fatto che il mondo del vino si stia relazionando con un pubblico sempre più vasto che non è fatto solo di esperti, ma soprattutto, negli ultimi anni, di curiosi viaggiatori che non hanno il vino come focus principale, ma che amano passare il proprio tempo libero in mezzo alla natura o visitando luoghi di cultura. Sicuramente apprezzano una buona bottiglia, ma non sono degli intenditori e, per questo, è più complesso raccontare loro il vino e che cosa lo circonda.
  • export-wine-vision-2030
    | ,

    Mercati esteri e strategia al 2030: fotografia e visione

    Vi ho parlato nel precedente articolo sul Brand Italia di Vision 2030, un progetto di sviluppo di un piano strategico per tutto il sistema vitivinicolo italiano, inclusivo ed aperto a tutti i soggetti che vogliano fornire contributi, riflessioni e soluzioni in grado di fare emergere i bisogni concreti del settore.
  • | ,

    Brand Italia: una denominazione nazionale può essere il futuro sui mercati esteri?

    Che l’Italia sia un brand è fuor di dubbio. Ne ho costantemente la riprova nel mio lavoro di promozione dei vini italiani sul mercato americano: ogni volta che si nomina l’Italia gli occhi di chi ascolta si illuminano e piovono commenti positivi e domande su viaggi, cibo, vino e tradizioni. Non è così per la maggior parte dei paesi europei, per esempio.
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti nemmeno una goccia del vino italiano

*La compilazione di questo form non determina l'archiviazione di alcun dato inserito, l'archiviazione e utilizzo dei dati avverrà solo dopo esplicita conferma contenuta nell'email che verrà inviata successivamente all'invio premendo il tasto "subscribe"

Back to To

2021 @ Laura Donadoni - All rights reserved / design www.caratterinobili.com

X
icon-instagram-whiteicon-facebook-whiteicon-spotify-whiteicon-youtube-whiteicon-linkedin-whiteicon-clubhouse-white