FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!

Perché il vino è buono? Una degustazione speciale per Custodi del Vino al mercato Fivi

Il vino genuino è buono ed emoziona non per l’annata perfetta, non per le caratteristiche primarie delle uve magistralmente coltivate e portate a maturazione, ma perché lo fanno donne e uomini veri, che mettono nel loro lavoro quotidiano i valori del rispetto della terra, della trasparenza e dell’amore per quello che hanno ricevuto in eredità e cercano tenacemente di preservare e migliorare.

Per questo un sorso tira l’altro, perché di verità non se ne ha mai abbastanza.

La presentazione di Custodi del Vino al mercato Fivi sabato 27 novembre è stata una delle più emozionanti: nell’aria c era la commozione mia e di alcuni dei protagonisti di incontrarci di nuovo stavolta con le parole del libro in sottofondo, ma c è stata soprattutto la partecipazione emotiva della platea, gli occhi lucidi nell’ ascoltare le storie di questi territori forse trascurati dai media, ma così densi di significato.

Grazie a tutti, mi avete riempito l’anima di bellezza e condivisione. In nome del vino, che è tutto tranne che una bevanda…

Montaggio a cura di Laura Norese

Vini in degustazione, consigliati per serate di vere emozioni:

  • Tonello – “ioTeti” Lessini Durello Brut DOC 2017
  • La Sibilla – “Cruna deLago” Falanghina Campi Flegrei DOC 2019
  • Malgiacca- “Tingolli” Toscana Bianco IGT 2018
  • Francesco Cadinu – “Ghirada Fittiloghe” Cannonau di Sardegna DOC 2019
  • Arpepe – “Rocca De Piro” Grumello Valtellina Superiore DOCG 2017
  • Tenuta di Valgiano – Colline Lucchesi DOC 2009

Puoi acquistare Custodi del Vino qui

FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!
FacebookTwitterEmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli recenti

  • Trentino: la prima regione vinicola con un bilancio di sostenibilità

    il consorzio vini Trentino è il primo ente regionale a dotarsi di un bilancio dì sostenibilità. un cambio dì approccio nella gestione del patrimonio vinicolo, spostando il focus dalla redditività economica al costo ambientale, si tratta dì invertire la logica dal produrre dì più al produrre meno e meglio. 5.667 aziende trentine produttrici d’uva hanno seguito questo impegnativo percorso. Tale iniziativa rappresenta ad oggi l’unica esperienza nazionale ad aver portato alla certificazione SQNPI un così elevato numero di produttori coordinati da un’unica entità consortile.
  • |

    Il ritmo naturale della bellezza: raccontare materie vive come il vino, o… il legno

    Sono quindi andata in persona a visitare quel triangolo di colline e vigneti al confine con la Slovenia per osservare, conoscere, annusare, toccare con mano nel vero senso della parola i materiali, le persone, l'ispirazione di questi artigiani italiani. Ne è venuto fuori questo racconto che ho deciso di pubblicare anche su questo blog, perché il legno e il vino hanno in comune il fatto di essere materie vive e di continuare a respirare, ad adattarsi e a mutare durante tutto il processo di trasformazione e di nobilitazione
  • Libri sul vino, perché solo manuali e guide? Riflessioni al ritorno dal Salone del Libro

    Perché i libri dedicati al vino sono relegati agli scaffali più nascosti delle librerie e sono essenzialmente guide e manuali? Perché in Italia non c'è una vera e propria letteratura del vino come succede in altri Paesi? Abbiamo bisogno di un cambiamento culturale e di linguaggio...
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti nemmeno una goccia del vino italiano

*La compilazione di questo form non determina l'archiviazione di alcun dato inserito, l'archiviazione e utilizzo dei dati avverrà solo dopo esplicita conferma contenuta nell'email che verrà inviata successivamente all'invio premendo il tasto "subscribe"

Back to To

2021 @ Laura Donadoni - All rights reserved / design www.caratterinobili.com

X
icon-instagram-whiteicon-facebook-whiteicon-spotify-whiteicon-youtube-whiteicon-linkedin-whiteicon-clubhouse-white