FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!

Vitigni resistenti: sono il futuro della viticoltura?

Le varietà piwi cosiddette resistenti sono sempre più oggetto di studio e di sperimentazioni. Quest’anno per la prima volta un vino da vitigni piwi ha conquistato i Tre bicchieri del Gambero Rosso: si tratta di “Vin de la Neu” 2020 da uve Johanniter di Nicola Biasi, l’enologo che ha scelto di dedicare la sua intera produzione a questa nuova tipologia di varietà. Nicola Biasi è anche il promotore di una rete di imprese “Resistenti Nicola Biasi” che riunisce otto aziende che si sono concentrate sulla produzione di vini di grande qualità utilizzando uve PIWI.

Ma partiamo dalle basi: che cosa sono e perché si chiamano piwi? 

PIWI è un acronimo che viene dal tedesco pilzwiderstandfähig che significa “viti resistenti ai funghi”, oggi è un marchio registrato dall’associazione svizzera Piwi International (dalla quale sono tratte le informazioni di questo articolo). 

I vitigni PIWI hanno un’elevata resistenza alle malattie fungine e consentono quindi una significativa riduzione dell’uso di pesticidi. Pertanto, questi vitigni robusti e innovativi rappresentano una valida aggiunta ai vitigni tradizionali sia in regime biologico o biodinamico sia in considerazione dei cambiamenti climatici in atto. 

I vitigni PIWI sono incroci tra i generi Vitis, per cui si combinano le caratteristiche eccezionali, la resilienza e le qualità del vino. L’allevamento e la selezione mirati creano vitigni innovativi che consentono di rendere la viticoltura più sostenibile e di affrontare le sfide future in vigna. Tutti i vitigni PIWI attualmente approvati per la viticoltura sono realizzati con il metodo classico di allevamento della vite. Non sono quindi come erroneamente si pensa “creati in laboratorio”, ma frutto di prove e innesti in vigna.

Le ricerche internazionali su queste varietà risalgono all’800 ma sono state sviluppate piante in grado di produrre vini di qualità solo negli ultimi trent’anni in Svizzera, Germania e Francia. 

In Italia una svolta significativa si è avuta tra il 2013 e il 2015 quando parecchie di queste varietà, dopo aver superato i test organolettici e ottenuto il requisito di “interesse agro-enologico”, sono state iscritte al Registro Nazionale delle Varietà di Vite e pertanto possono essere da allora vinificate e commercializzate (con la limitazione di non essere utilizzabili per i vini a Denominazione di Origine).

A quasi 10 anni di distanza il primo vino piwi ha ottenuto il massimo riconoscimento da parte di una guida nazionale, quella del Gambero Rosso, ci chiediamo quindi:

Si può bere quindi bene anche piwi? Coltivare vitigni di fatto creati dall’uomo vuol dire in qualche modo perdere parte delle nostre radici enoiche? Ne parliamo con Erika Pedrini della cantina Pravis che è stata tra i pionieri della sperimentazione piwi iniziando più di vent’anni fa dalla collaborazione esclusiva con l’università di Freiburg, di cui Pravis è stata succursale italiana per la ricerca sui vitigni resistenti.

Qui trovi la puntata del podcast

Spill Out Show #7: i vitigni piwi sono il futuro? Intervista a Erika Pedrini, Pravis

Listen to this episode from The Italian Wine Girl – Spill Out Show on Spotify. Le varietà piwi cosiddette resistenti sono sempre più oggetto di studio e di sperimentazioni. Nel 2022 per la prima volta un vino da vitigni piwi ha conquistato i 3 bicchieri Gambero Rosso.

Qui trovi la video intervista su YouTube

Vitigni resistenti: sono il futuro della viticoltura? E i vini sono buoni?

Le varietà piwi cosiddette resistenti sono sempre più oggetto di studio e di sperimentazioni. Quest’anno per la prima volta un vino da vitigni piwi ha conquistato i Tre bicchieri del Gambero Rosso: si tratta di “Vin de la Neu” 2020 da uve Johanniter di Nicola Biasi, l’enologo che ha scelto di dedicare la sua intera produzione a questa nuova tipologia di varietà.

FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!
FacebookTwitterEmail

Articoli recenti

  • | ,

    Facciamo qualcosa di concreto per la parità

    Anche il mondo del vino non è esente dalla cultura dello stereotipo di genere e ho deciso nel corso del 2023 di scendere in profondità e analizzare ciò che questo implica nello specifico. Mi sono imbattuta in moltissime storie e testimonianze, principalmente di donne: discriminate perché si sa che “le donne non sanno nulla di vino”, pagate meno dei colleghi uomini, relegate a ruoli amministrativi nelle aziende perché non ritenute adeguate a lavori in vigna o in cantina, donne che lottano contro il senso di colpa di non riuscire a gestire la famiglia e il lavoro, donne che sono state ricattate di abusi sessuali in cambio di un contratto di vendita o di un punteggio più alto ai loro vini, donne che sono state manipolate, vittime di persone narcisiste, di mobbing, di vessazioni. 
  • Nella valle della Loira in sette parole

    Viaggio nella valle della Loira, tra chateaux, crèmants, vouvray, rosè...press tour vlog alla scoperta dell'annata 2022 con video
  • | ,

    Dalla guerra in Ucraina alle colline del Chianti: la storia di Ines Berezina de Moschetti

    La storia di Ines, dalla guerra in Ucraina alle colline del Chianti per dirigere una nuova azienda vinicola
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti nemmeno una goccia del vino italiano

*La compilazione di questo form non determina l'archiviazione di alcun dato inserito, l'archiviazione e utilizzo dei dati avverrà solo dopo esplicita conferma contenuta nell'email che verrà inviata successivamente all'invio premendo il tasto "subscribe"

icon-instagram-whiteicon-facebook-whiteicon-spreaker-whiteicon-youtube-whiteicon-linkedin-whiteicon-clubhouse-whiteicon-ticktok-white