FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!

Vini senza alcol, per la prima volta al SommCon, in USA, un seminario dedicato. Come si fanno? Ce lo racconta la direttrice scientifica di Millevigne

Per la prima volta alla conferenza nazionale americana dei sommelier, il SommCon, si è tenuta una masterclass con degustazione  sui vini dealcolizzati. Segno che questa categoria di prodotti sta davvero crescendo e attirando l’attenzione del settore. A tal punto che i sommelier e wine director non possono più far finta che non esista. Nel 2021 negli Stati Uniti le bevande senza alcol (vini e spiriti, non bibite) hanno generato 1.6 billion i di dollari e le previsioni di mercato parlano di una crescita di 4 volte tanto entro il 2031. L’idea di fondo del seminario, tenuto dal Master Sommelier Will Costello e dai brand ambassador di due dei principali marchi di vini senza alcol, Proxies (Matthew Kaner) e Lyre’s (Megan Murphy), è stata quella di dimostrare come i vini no alcol o low alcol non riducono, anzi amplificano il mercato del vino, calamitando  l’attenzione di nuovi possibili consumatori e che rappresentano un’opportunità da non  guardare con sospetto o con pregiudizio. Minorenni, persone con condizioni di salute che vogliono e devono evitare l’alcol, persone attente alla linea (spesso il claim di questi prodotti è anche di essere meno calorici), i “designated drivers” ovvero coloro che devono mettersi alla guida in sicurezza (ricordo che negli USA la guida in stato di ebbrezza è reato penale), donne in stato di gravidanza che non vogliono sentirsi chiedere come mai non bevono vino a cena. È evidentemente un mercato allettante. 

Kaner e Costello al SommCon 2022

Ma la domanda che riecheggia nel nuovo e nel vecchio continente è sempre la stessa: è giusto chiamarli vini? O sono più bibite che imitano il sapore degli alcolici? Sophisticated sodas? 

Le bevande che ho degustato al seminario forse non si sarebbero potute chiamare vino in Europa, dove i regolamenti sono più restrittivi, ma sono sul mercato statunitense come veri e propri vini nonostante la lista degli ingredienti includa succhi di altra frutta, acidi di ogni tipo, sale e altri additivi. Vedi immagini. 

Il dibattito durante la masterclass si è acceso anche sul packaging: se di fatto sono bibite che ricordano il sapore del vino perché metterle in una bottiglia, in un calice? È fuorviante come le sigarette di cioccolato? No, dicevano i relatori, è come il pane senza glutine, è comunque pane. O lo yogurt vegetale. 

E gli esempi sono calzanti, dato che vengono inseriti nella categoria merceologica del food e devono riportare lista degli ingredienti e valori nutrizionali. 

Lo fanno ben volentieri per vantare meno calorie del vino o dei superalcolici, ma sicuramente sono più ricche di zucchero. Da un lato si lotta contro lo smisurato consumo di Coca Cola e bevande dolci, dall’altro si afferma che sono sempre meglio di un bicchiere di vino? C’è ancora molta confusione sul posizionamento, per ora possiamo osservare con attenzione le scelte dei consumatori e i test di queste aziende pioniere, anche se il vino senza alcol non è affatto una novità, volete scoprire perché? Ascoltate l’ultima puntata di Spill Out Show nella quale intervista Alessandra Biondi Bartolini, agronoma, giornalista e divulgatrice scientifica, direttrice scientifica della testata Millevigne. Con lei abbiamo fatto chiarezza su cosa sono, come si fanno e come si chiamano i vini sottoposti a dealcolizzazione totale o parziale, sulla base delle normative europee. 

Buona visione o buon ascolto:

Vini senza alcol: come si fanno, cosa dice la legge. È giusto chiamarli vini?

Listen to this episode from The Italian Wine Girl – Spill Out Show on Spotify. Esploriamo il tema dei vini dealcolizzati con Alessandra Biondi Bartolini, agronoma, giornalista e divulgatrice scientifica, direttrice scientifica della testata Millevigne. Quali sono le tecniche impiegate per ottenerli? È giusto continuare a chiamarli vini?

FOLLOW > WATCH > LISTEN > ENJOY!
FacebookTwitterEmail

Articoli recenti

  • | ,

    Facciamo qualcosa di concreto per la parità

    Anche il mondo del vino non è esente dalla cultura dello stereotipo di genere e ho deciso nel corso del 2023 di scendere in profondità e analizzare ciò che questo implica nello specifico. Mi sono imbattuta in moltissime storie e testimonianze, principalmente di donne: discriminate perché si sa che “le donne non sanno nulla di vino”, pagate meno dei colleghi uomini, relegate a ruoli amministrativi nelle aziende perché non ritenute adeguate a lavori in vigna o in cantina, donne che lottano contro il senso di colpa di non riuscire a gestire la famiglia e il lavoro, donne che sono state ricattate di abusi sessuali in cambio di un contratto di vendita o di un punteggio più alto ai loro vini, donne che sono state manipolate, vittime di persone narcisiste, di mobbing, di vessazioni. 
  • Nella valle della Loira in sette parole

    Viaggio nella valle della Loira, tra chateaux, crèmants, vouvray, rosè...press tour vlog alla scoperta dell'annata 2022 con video
  • | ,

    Dalla guerra in Ucraina alle colline del Chianti: la storia di Ines Berezina de Moschetti

    La storia di Ines, dalla guerra in Ucraina alle colline del Chianti per dirigere una nuova azienda vinicola
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti nemmeno una goccia del vino italiano

*La compilazione di questo form non determina l'archiviazione di alcun dato inserito, l'archiviazione e utilizzo dei dati avverrà solo dopo esplicita conferma contenuta nell'email che verrà inviata successivamente all'invio premendo il tasto "subscribe"

icon-instagram-whiteicon-facebook-whiteicon-spreaker-whiteicon-youtube-whiteicon-linkedin-whiteicon-clubhouse-whiteicon-ticktok-white